EMANUELE
FACCIO GOFAS

SUBMARINE

Studio sulla figura ritratta sotto la superficie.


[...]
Alle Sirene giungerai da prima,
Che affascìnan chïunque i lidi loro
Con la sua prora veleggiando tocca.
Chïunque i lidi incautamente afferra
Delle Sirene, e n'ode il canto, a lui
Né la sposa fedel, né i cari figli
Verranno incontro su le soglie in festa.
Le Sirene sedendo in un bel prato,
Mandano un canto dalle argute labbra,
Che alletta il passeggier: ma non lontano
D'ossa d'umani putrefatti corpi
E di pelli marcite, un monte s'alza.
Tu veloce oltrepassa, e con mollita
Cera de' tuoi così l'orecchio tura,
Che non vi possa penetrar la voce.
Odila tu, se vuoi; sol che diritto
Te della nave all'albero i compagni
Leghino, e i piedi stringanti, e le mani;
Perché il diletto di sentir la voce
Delle Sirene tu non perda.
[...]


Odissea, libro XII.

2014

Options
1 / 7 slideshow
Options
2 / 7 slideshow
Options
3 / 7 slideshow
Options
4 / 7 slideshow
Options
5 / 7 slideshow
Options
6 / 7 slideshow
Options
7 / 7 slideshow
loading